I volti dell’alienazione. Disegni di Roberto Sambonet

Print Friendly

Una mostra al teatro di Chille della Balanza a San Salvi a cura di Franco Corleone e Ivan Novelli

Promotori Garante Regione Toscana dei diritti dei detenuti, Fondazione Michelucci, La società della ragione onlus, Archivio Sambonet, StopOPG – Inaugurazione martedì 2 dicembre 2014, ore 18.30, via di san Salvi – Pad. 16.

Il Teatro Chille de la Balanza ospita dal 2 al 18 dicembre 2014 ‘I volti dell’alienazione’, una mostra a cura di Franco Corleone e Ivan Novelli che raccoglie quaranta disegni e settanta studi dell’artista e designer milanese Roberto Sambonet.
Una mostra straordinaria che racconta e indaga, attraverso i ritratti che l’artista ha realizzato tra il 1951 e il 1952 nel manicomio di Juqueri, a cinquanta chilometri da San Paolo in Brasile, il complesso fenomeno del disagio mentale.

La mostra, promossa da La Società della Ragione, onlus impegnata sui temi del carcere, della giustizia e dei diritti, umani e sociali, con la collaborazione dell’Archivio pittorico Roberto Sambonet e di StopOPG, vuole contribuire alla campagna per la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari, prevista per il 31 marzo 2015, dove sono ancora internate meno di mille persone. Un decreto poi convertito in legge il 17 febbraio 2012 ne stabiliva la chiusura dando delle scadenze, che sono state, però, via via sempre prorogate. Ora la scadenza è fissata al 31 marzo 2015.

Martedì 2 dicembre 2014, alle ore 18.30, si inaugura la mostra con la partecipazione dell’Assessore al Diritto alla Salute della Regione Toscana Luigi Marroni, di Franco Corleone, Garante dei Diritti dei detenuti della Regione Toscana, di Ivan Novelli della Società della Ragione, di Elisa Camesasca dell’Archivio pittorico Roberto Sambonet, di Stefano Cecconi di StopOPG e responsabile nazionale welfare CGIL, e di Corrado Marcetti della Fondazione Michelucci. Coordina Claudio Ascoli.
Seguirà un aperitivo augurale con buffet.

 


Allegati:
comunicato_-sabonet.pdf
volti-alienazione.pdf


Link esterni:
www.lasocietadellaragione.it

CONDIVIDI